Scenario Settore sanitario, le aziende possono crescere molto con Connected Health e AI
Valerio Porcu
3' 34''
10/07/2024

Le aziende del settore Life Sciences prevedono che la Connected Health contribuirà a oltre un quinto del loro fatturato entro cinque anni, con significativi progressi dal 2021.

Settore sanitario, le aziende possono crescere molto con Connected Health e AI

Il recente report "The Connected Health Revolution" del Capgemini Research Institute (CGR) mostra che la maggior parte delle organizzazioni del settore Life Sciences (biofarmaceutico e medtech), ha soluzioni di Connected Health sul mercato o in fase di sviluppo. Ci si aspetta che tali soluzioni pesino per oltre il 20% del fatturato entro 5 anni da oggi. 

La "connected health" (sanità connessa) si riferisce all'uso di tecnologie digitali per collegare pazienti, operatori sanitari, dispositivi medici e dati sanitari. Questa connessione consente la raccolta e l'analisi dei dati in tempo reale, migliorando la gestione delle cure, facilitando il monitoraggio remoto dei pazienti, e supportando la diagnosi e il trattamento personalizzati. Inoltre, promuove l'integrazione di varie fonti di informazioni sanitarie per migliorare l'efficienza e l'efficacia delle cure mediche.

Idealmente si tratta di una soluzione win-win, perché permette alle aziende di ottimizzare costi e tempi delle prestazioni, ma allo stesso tempo porta alle persone servizi migliori, più completi e più veloci, anche a domicilio. 

E infatti questa nuova interpretazione dei servizi sanitari sta emergendo come una componente cruciale per il futuro delle aziende Life Sciences. Il numero di aziende biofarmaceutiche con soluzioni di Connected Health pronte per il mercato è aumentato di sei volte dal 2021, mentre tre organizzazioni medtech su quattro hanno già immesso sul mercato prodotti sanitari connessi. Questo progresso è un indicatore della rapida adozione di tecnologie innovative nel settore.

Tuttavia ci sono ancora nodi da sciogliere prima di alzare il sipario e poter parlare di prime time. Tanto per cominciare, la ricerca di CGR evidenzia la necessità di un quadro di riferimento e di strumenti comuni per la gestione dei dati. Con la diffusione di app e strumenti sanitari connessi assisteremo a una nuova impennata nella quantità di dati, e per gestirli saranno necessari servizi e strutture, magari con software sviluppati ad hoc. 

Idealmente si tratta di una soluzione win-win, perché permette alle aziende di ottimizzare costi e tempi delle prestazioni

L’uso dell’Intelligenza Artificiale va dato per scontato, perché solo con i moderni LLM sarà possibile interpretare e usare i dati in tempi utili. Sempre tenendo in grande considerazione i temi della privacy e della compliance; le recenti vicende legate al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) lasciano capire chiaramente che non si può prendere con leggerezza il dato sanitario. 

Negli ultimi anni, comunque, anche il settore sanitario ha visto una diffusione velocissima di strumenti AI ed ML (Machine Learning). Vengono usati per una varietà di obiettivi, soprattutto analisi dei dati e funzioni predittive in tempo reale. Molte aziende si sono già dotate di piattaforme cloud per l'integrazione di dati provenienti da fonti diverse

Allo stesso tempo tuttavia resta palese il tema della carenza di personale competente: che si tratti di GenAI o di AR/VR tutte le aziende hanno bisogno di assumere nuove persone con expertise specifiche, oppure di offrire nuova formazione al personale esistente. E a volte sono necessarie entrambe le cose. 

L’obiettivo è poi sfruttare l’AI come parte integrante dei servizi connessi, ad ogni livello. Dal chatbot che parla con i clienti fino al sistema analitico/predittivo che supporta l’attività del medico, passando dai sistemi che sintetizzano le informazioni per poi creare un’interpretazione visuale corretta. 

nel settore sanitario ci sono molte occasioni da sfruttare

L'AI generativa può creare valore lungo tutta la filiera dell'assistenza sanitaria, migliorando ricerca, sviluppo, attività operative, compliance e commercializzazione. Risulta quindi chiaro che nel settore sanitario ci sono molte occasioni da sfruttare per mettere in modo un nuovo processo di crescita, tanto nel fatturato quanto nella qualità dei servizi. 

Per poterle sfruttare, tuttavia, sarà necessario creare una strategia di trasformazione digitale completa, che permetta di realizzare gli obiettivi di crescita. Un tassello fondamentale sarà dotarsi di un'infrastruttura di dati scalabile, sicura e conforme alle normative - oppure trovare un partner che permetta di lavorare in cloud con tutte le garanzie del caso. Bisognerà sviluppare una rete di partner e collaborazioni con altre aziende, e costruire percorsi da affrontare insieme per generare generare valore tangibile per tutti gli stakeholder.

Potrebbe interessarti anche

News

L’IA impatterà il 40% del settore pubblico, ma a dirlo è l’IA stessa

Un rapporto del Tony Blair Institute prevede l'automazione del 40% dei compiti nel settore pubblico, ma la previsione è...

Approfondimenti

Mercato assicurativo: l’impatto dell’IA sulla valutazione del rischio e il fatturato

L'IA sta impattando sul lavoro delle assicurazioni, cambiando in particolare il modo in cui viene valutato il rischio, m...

Scenario

Il jet europeo FCAS avrà molta Intelligenza Artificiale a bordo

Il Future Combat Air System europeo mira a integrare l'AI, migliorando le capacità aeree sia pilotate che non entro il 2...

Mercato

Adobe Stock inizierà a vendere immagini generate

L’azienda ha reso pubbliche nuove linee guida per la pubblicazione di contenuti creati dall'intelligenza artificiale nel...